Trekking panoramico in bassa Valmarecchia

Durata dell’itinerario 1 giorno

Giorno 1
9:00

Ponte Verucchio

Ponte Verucchio

In auto si raggiunge Ponte Verucchio percorrendo la SS 258 Marecchiese. Ci si immette nella rotabile che inizia proprio vicino al ponte, dove poco più avanti è possibile parcheggiare in un piccolo spiazzo. Di qui ci si avvicina progressivamente al fiume percorrendo la pista ciclabile a ridosso del greto – il sentiero CAI è il 03/03A – fino a giungere all’altezza del complesso di Saiano, che decisamente merita una visita.

Note

Di facile percorrenza, il percorso attraversa l’ambiente tipico che si ritrova lungo le sponde del fiume Marecchia.

Giorno 1
9:50

Saiano

Saiano

Sullo sperone di roccia solitario di Saiano svetta il bellissimo complesso architettonico. La rupe con il Santuario della Madonna di Saiano, si specchia nelle acque del Marecchia mentre tutt’attorno il verde trionfa. Dell’antica fortificazione rimangono invece i ruderi e la Torre cilindrica di foggia bizantina. Una volta ridiscesi da Saiano, dal parcheggio presso i resti di Molino di Saiano, uno sterrato sale in diagonale il versante fino a Fontebuona e Montebello.

Note

Fuori dalla chiesetta, dedicata alla Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, è possibile ammirare lo splendido portale in bronzo realizzato dall’artista Arnaldo Pomodoro (su suggerimento di Tonino Guerra) e, custodita all’interno, una statua in gesso raffigurante la Vergine col Bambino datata XVI secolo.

Giorno 1
10:45

Castello di Montebello

Castello di Montebello

Costruito intorno all’anno 1000, è noto come il Castello di Azzurina per la leggenda della piccola Malaesta che qui scomparve in giovane età e di cui si narra ancora la presenza del “fantasma”. La sua poderosa Rocca ha ben mille anni di storia da narrare: fu non a caso posta a guardia di una via, quella che risale la Valmarecchia di grande valore strategico poiché rappresentava il collegamento principale con il Montefeltro e con la Toscana, e rappresenta senza dubbio uno degli edifici storici più interessanti della Signoria malatestiana di tutto il territorio romagnolo.

Scheda dettagliata
Note

Si sale a Montebello percorrendo la stradina asfaltata in mezzo alla pineta oppure percorrendo il ripido sentiero che porta direttamente nel cuore del borgo. Montebello è un vero e proprio terrazzo panoramico, pur non essendo molto alto (436 metri s.l.m.) il territorio che si può osservare è molto vasto e comprende interamente le valli del Marecchia e dell’Uso. Qui c’è la possibilità di gustare piatti tipici e genuini nei ristoranti locali e di visitare il maestoso Castello.

Giorno 1
14:45

“Scorticata” di Poggio Torriana

Ottieni indicazioni
“Scorticata” di Poggio Torriana

Di epoca malatestiana, la rocca aveva una posizione strategica per il controllo del territorio, e ciò spiega la cura con cui Sigismondo Malatesta ne ha riformato e potenziato le difese.

Scheda dettagliata
Note

Il tracciato prosegue sul crinale e tocca Gessi, il cui toponimo ci dice che in zona si trova la tipica roccia grigia di origine evaporitica. Tenendo la sinistra si sale fino a raggiungere la rocca malatestiana. Qui è possibile godere di uno splendido panorama a 360° ed esplorare i resti delle antiche murature.

Giorno 1
15:15

Torriana

Torriana

Ridiscendendo lungo la strada asfaltata si incontra il piccolo centro di Torriana. L’abitato, edificato sullo zoccolo del masso calcareo sul quale si erge la fortificazione medievale, risale a tempi recenti. Il paese si allunga sulla via principale e riveste interesse per i panorami, i monumenti e palazzi storici.

Note

Celebre è “L’albero dell’acqua”, una creazione del poeta e sceneggiatore Tonino Guerra. La scultura ricorda il fiume Marecchia e le sue acque che attraversano terre, memorie e sogni. Continuando la discesa si torna a Ponte Verucchio e quindi al parcheggio.

Giorno 1
16:30

Rocca Malatestiana (Rocca del Sasso) di Verucchio

Ottieni indicazioni
Rocca Malatestiana (Rocca del Sasso) di Verucchio

Costruito tra il XII e il XVI secolo, il complesso monumentale della rocca malatestiana si posiziona su un’ampia area ricavata sul punto più alto del “Sasso” di Verucchio, da dove si può ammirare uno splendido panorama. Già alla fine del XII secolo la rocca apparteneva alla famiglia Malatesta; qui nacque il “Mastin Vecchio” Malatesta da Verucchio, il grande capo guelfo citato nell’inferno dantesco.

Scheda dettagliata
Note

Infine, da ponte Verucchio si consiglia di salire fino al centro storico di Verucchio (5 minuti in auto), che fu la prima roccaforte della famiglia Malatesta.

Nei dintorni

B&B Casa del Boschetto
B&B Casa del Boschetto Approfondisci
Tenuta Saiano
Tenuta Saiano Approfondisci
Agriturismo San Rocco
Agriturismo San Rocco Approfondisci
B&B Castello Marcosanti
B&B Castello Marcosanti Approfondisci
Ristorantino Ghettoquarantesi
Ristorantino Ghettoquarantesi Approfondisci
Pazzi di Pizza
Pazzi di Pizza Approfondisci

Trekking panoramico in bassa Valmarecchia

Durata dell’itinerario 1 giorno

Giorno 1
9:00

Ponte Verucchio

Note

Di facile percorrenza, il percorso attraversa l’ambiente tipico che si ritrova lungo le sponde del fiume Marecchia.

Giorno 1
9:50

Saiano

Note

Fuori dalla chiesetta, dedicata alla Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, è possibile ammirare lo splendido portale in bronzo realizzato dall’artista Arnaldo Pomodoro (su suggerimento di Tonino Guerra) e, custodita all’interno, una statua in gesso raffigurante la Vergine col Bambino datata XVI secolo.

Giorno 1
10:45

Castello di Montebello

Note

Si sale a Montebello percorrendo la stradina asfaltata in mezzo alla pineta oppure percorrendo il ripido sentiero che porta direttamente nel cuore del borgo. Montebello è un vero e proprio terrazzo panoramico, pur non essendo molto alto (436 metri s.l.m.) il territorio che si può osservare è molto vasto e comprende interamente le valli del Marecchia e dell’Uso. Qui c’è la possibilità di gustare piatti tipici e genuini nei ristoranti locali e di visitare il maestoso Castello.

Giorno 1
14:45

“Scorticata” di Poggio Torriana

Note

Il tracciato prosegue sul crinale e tocca Gessi, il cui toponimo ci dice che in zona si trova la tipica roccia grigia di origine evaporitica. Tenendo la sinistra si sale fino a raggiungere la rocca malatestiana. Qui è possibile godere di uno splendido panorama a 360° ed esplorare i resti delle antiche murature.

Giorno 1
15:15

Torriana

Note

Celebre è “L’albero dell’acqua”, una creazione del poeta e sceneggiatore Tonino Guerra. La scultura ricorda il fiume Marecchia e le sue acque che attraversano terre, memorie e sogni. Continuando la discesa si torna a Ponte Verucchio e quindi al parcheggio.

Giorno 1
16:30

Rocca Malatestiana (Rocca del Sasso) di Verucchio

Note

Infine, da ponte Verucchio si consiglia di salire fino al centro storico di Verucchio (5 minuti in auto), che fu la prima roccaforte della famiglia Malatesta.

Segnala la tua visita